Translate

domingo, 11 de septiembre de 2016

9/11


Han pasado 15 años... ¿Qué hemos aprendido?
15 years have passed... What have we learned?
Sono passati 15 anni... Cosa abbiamo imparato?

11 de septiembre de 2001... 
Era un martes como cualquier otro.  Me recuerdo que estaba en la clase de ética en el Colegio de Mayagüez, de repente alguien abre la puerta del salón y dice que un avión se ha estrellado contra una de las torres gemelas de Nueva York.  Todos quedamos un poco incrédulos... “¿será verdad? ¿Un accidente?...” Concluimos los últimos minutos de la clase y fuimos al Centro de Estudiantes donde había un televisor para informarnos mejor.  Un segundo avión... y comprendimos que no era un accidente.  Vimos las torres caer... y las imágenes de las personas tratando de alejarse de la inmensa nube de polvo y destrucción.  Tanto dolor era inimaginable... 
Los Estados Unidos y sus aliados deciden iniciar una “guerra al terror” (“War on Terror”) atacando a los grupos terroristas y a los gobiernos que los sostienen.

Han pasado 15 años... ¿nos sentimos más seguros? ¿hay menos terror en el mundo?

Hoy al recordar este trágico evento rezo por las 2,996 víctimas del 11 de septiembre de 2001. *
Hoy rezo también por los más de 31,000 civiles afganos que han muerto desde que empezó la guerra en Afganistán (2001). **
Elevo una plegaria por las víctimas (22,100 civiles) desde que los Estados Unidos inicieron una campaña de ataques con drones en el norte de Pakistan. ***
Recuerdo en mi oración los 165,000 civiles del Irak que han muerto por la violencia desde el inicio de la invasión de los Estados Unidos en el 2003. ****
Rezo por cada difunto de cada nación del mundo. Rezo por los familiares que lloran sus seres queridos...

¿Aún pensamos que a través de la violencia, de guerras que causan miles de muertes, venceremos? ¿Qué estamos ganando...? Estamos sembrando odio... ¿qué piensas que cosecharemos?
Y entonces... ¿qué podemos hacer?

Hace unos días leí esta reflexión que pienso aplica también al tema de la “lucha contra el terror”.
El sufí Bayazid dice acerca de sí mismo:«De joven yo era un revolucionario y mi oración consistía en decir a Dios: ‘Señor, dame fuerzas para cambiar el mundo‘.

»A medida que fui haciéndome adulto y caí en la cuenta de que me había pasado media vida sin haber logrado cambiar a una sola alma, transformé mi oración y comencé a decir: ‘Señor, dame la gracia de transformar a cuantos entran en contacto conmigo. Aunque sólo sea a mi familia y a mis amigos. Con eso me doy por satisfecho‘.

»Ahora, que soy un viejo y tengo los días contados, he empezado a comprender lo estúpido que yo he sido. Mi única oración es la siguiente: ‘Señor, dame la gracia de cambiarme a mí mismo‘.

»Si yo hubiera orado de este modo desde el principio, no habría malgastado mi vida.»

- Todo el mundo piensa en cambiar a la humanidad. Casi nadie piensa en cambiarse a sí mismo.*****

Finalmente comparto esta reflexión muy personal, es algo que me digo a mí mismo para ayudarme a cambiar:
“Es natural experimentar miedo delante de un extranjero, de alguien que habla otro idioma o que profesa otra religión.  Pero eso miedo no es causado por él.   El terror nace dentro de ti porque tienes miedo de ti mismo, de la violencia que te habita, de de las incongruencias de tu vida. Tienes miedo porque no te conoces, eres un extranjero para ti mismo.  El terror no se vence al externo, lanzando bombas a los demás, gritando o mostrándote más fuerte... el terror se vence  dentro de ti, aprendiendo a aceptarte así como eres y comprendiendo que los demás no son tus enemigos, ni tus rivales.  La lucha contra “el mal” no se vence al externo, sino que se vence dentro de ti, conociéndote en el silencio y en la oración, aprendiendo a reconciliarte contigo mismo y con tus contradicciones e iniciando el peregrinaje interior que acomuna a todos los humanos.  Cuando inicias a caminar te das cuenta que no estás solo y esos  “extranjeros” que están a tu lado se convierten en amigos y compañeros de camino.”   
¡Buen camino!


September 11 2001... 
It was a Tuesday like every other Tuesday. I remember that I was in ethics class in the University of Mayagüez, suddenly someone opens the door and starts saying that an airplane has crashed into the Twin Towers in NY.  We were all in disbelief... “Is it true?...  An accident?” We finished the lasts minutes of class and then we went to see the tv in the student center.  When we arrived we saw that there was a second airplane... and we understood that it was no accident.  We saw the towers fall... and the images of the people trying to run away from all the debris that where falling.  So much pain... it was unimaginable.
The US and its allies decided to start a “War on Terror”, attacking the terrorists groups and the governments that helped them. 

15 years have passed... Do we feel safer? Is there less terror in the world?

Today, remembering this tragic event, I pray for the 2,996 victims of 9/11..*
But I also pray for the more than 31,000 Afghani civilians that have been killed since the war in Afghanistan started (2001)**
I raise a plea for the victims (22,100 civilians) since the US started a campaign of attacks with drones in the North of Pakistan. ***
I remember in my prayer the 165,000 Iraqi civilians that have died because of the violence since the start of the US invasion in 2003.****
I pray for each human being of every nation. I pray for all the families that have lost love ones. 

Do we still think that through violence, through wars that cause thousands of lives, we will win?  What exactly are we “winning”? We are planting hate. What do we think we will harvest?
So then... what can we do?

Some days ago a read this reflection. I think it shines light in the “war against terror”.
“The Sufi Bayazid says this about himself:

I was a revolutionary when I was young and all my prayer to God was
"Lord give me the energy to change the world."

"As I approached middle age and realized
that half my life was gone without my
changing a single soul, I changed my
prayer to "Lord, give me the grace to
change all those who come in contact
with me. Just my family and friends,
and I shall be satisfied."
"Now that I am an old man and my days
are numbered, my only prayer
is, "Lord, give me the grace to change
myself. "If I had prayed for this right
from the start I would not have wasted
my life.”
*******

I conclude this blog by sharing a very personal reflection, it is something that I say to myself to help me change:
“It’s natural to experience fear in front of a foreigner, of someone who speaks another language or that professes a different religion.  But that fear is not caused by that person.  Terror is born inside of you, because you are afraid of yourself, you are afraid of the violence that is within you, of the incongruences of your life. You are afraid because you don’t know yourself, you are a stranger to yourself.  You can’t defeat terror “outside” by throwing bombs at others, or shouting, or showing that you are stronger... you beat terror inside of yourself, learning to accept yourself just like you are and understanding that the others are not your enemies or your rivals. The “war” against “evil” is not fought “outside”, it is fought and won inside of you, knowing yourself in silence and prayer, learning to reconcile with yourself and your contradictions and starting a interior pilgrimage that unites all human beings.  When you start walking you realize that you are not alone, and that those “strangers” that are beside you start becoming friends and companions in the journey of life.”
Nice journey!

11 settembre 2001
Mi ricordo ancora dove ero..., nella lezione di etica nell'università, quando una giovane apre la porta e impaurita dice che un aereo aveva colpito una delle Torre Gemelle a NY.  Si crea un clima di confusione e dopo alcuni minuti cerchiamo una TV nel centro di studenti.  Quando colpisce il secondo aereo capiamo che non è un accidente.  Le immagini di distruzione e di morte sono ancora nella memoria.  Tanto dolore...
Gli Stati Uniti e gli alleati scelgono di iniziare una guerra contro il terrore (“War on Terror”), attaccando i gruppi terroristi e i governi che gli sostengono.

Sono passati 15 anni... ci sentiamo più sicuri? C’è meno terrore nel mondo?

Oggi nel ricordare questo tragico evento, prego per le 2.996 vittime dell’11 settembre 2001. *
Ma oggi prego anche per le più di 31.000 civili afgani uscissi da quando è iniziata la guerra in Afganistan (2001)**
Innalzo una preghiera per le vittime (22.100 civile) da quando gli EEUU iniziarono la campagna di attacchi con droni nel nord del Pakistan. (e gli oltre 1.4 milioni di rifugiati e sfollati soltanto di quella nazione!)***
Ricordo nella preghiera i 165.000 civili del Iraq che sono morti per la violenza dall’inizio dell’invasione degli Stati Uniti nel 2003. ****
Prego per ogni defunto di tutte le nazione. Prego per le loro famiglie, per coloro che soffrono...

Ancora pensiamo che attraverso la violenza, di guerre che causano miglia di morti, vinceremo? Cosa stiamo “vincendo”...?  Stiamo seminando odio... cosa pensi che raccoglieremo?
E quindi... cosa possiamo fare?

Alcuni giorni fa ho letto questa riflessione che penso ci possa illuminare anche quando parliamo sulla guerra contro il terrore.
Dice Bayazid: “Quand'ero giovane ero un rivoluzionario e tutte le mie preghiere erano: "Signore, dammi la forza di cambiare il mondo!". Verso la mezza età, modificai la mia preghiera: "Signore, dammi la grazia di cambiare tutti quelli che vengono in contatto con me. Anche solo la mia famiglia e i miei amici e sarò contento". Ora, avanti negli anni, costatando che la vita passa senza poter cambiare nulla, prego: "Signore, fa' che cambi me stesso!". Avessi sempre e soltanto pregato così! Se avessi sempre pregato così, avrei cambiato il mondo.”******


Finalmente condivido questa riflessione molto personale, è qualcosa che dico me stesso per aiutarmi a cambiare:
“è naturale esperimentare paura davanti a uno straniero, a qualcuno che parla un altra lingua o professa un altra religione.  Ma quella paura non è causata da lui.  Il terrore nasce dentro di te perché hai paura di te stesso, della violenza che ti abita, delle incongruenze della tua vita.  Hai paura perché non ti conosci, sei uno straniero per te stesso. Il terrore non si vince nell’esteriore, lanciando bombe agli altri, gridando o mostrandoti più forte... il terrore si vince dentro di te, imparando ad accettarti così come sei e comprendendo che gli altri non sono i tuoi nemici ne i tuoi rivali. La lotta contro “il male” non si vince “fuori”, si vince dentro di te, conoscendoti nel silenzio e nella preghiera, imparando a riconciliarti con te stesso y con le tue contraddizioni, e iniziando un pellegrinaggio interiore che accomuna a tutti gli essere umani.  Quando inizi a camminare ti rendi conto che non sei da solo e che quelli “stranieri” che sono al tuo fianco si convertono in amici e in compagni di cammino.”
Buona strada!


** “About 104,000 people have been killed in the Afghanistan war since 2001. More than 31,000 of those killed have been civilians. An additional 41,000 civilians have been injured since 2001”. http://watson.brown.edu/costsofwar/costs/human/civilians/afghan
*** Over 61,000 Pakistanis – combatants and non-combatants – have been killed since 2001. Of these, about 22,100 are civilians. Over 40,000 civilians have been wounded. There are about 1.4 million refugees or internally displaced Pakistanis. The US began its semi-covert campaign of drone strikes in 2004 to kill Al Qaeda and Taliban forces based in Northern Pakistan. The strikes are obscured by secrecy and are of questionable legality. There is also a debate about who and how many have been killed in the strikes. http://watson.brown.edu/costsofwar/costs/human/civilians/pakistani
**** There have been approximately 165,000 Iraqi civilians killed by direct violence since the US invasion. http://watson.brown.edu/costsofwar/costs/human/civilians/iraqi
***** Tomado del libro El canto del pájaro, del místico y sacerdote católico Anthony de Mello (1931-1987).  https://todofluye.wordpress.com/2007/04/25/cambiar-yo-para-que-cambie-el-mundo/

lunes, 5 de septiembre de 2016

La gioia del servizio - La alegría del servicio



Giusto un mese fa abbiamo vissuto la "Route di Servizio" con gli scout di Padova e Genova che con grande disponibilità si sono "intrecciati" ai rifugiati e ai missionari in una esperienza di fratellanza universale.  Quella settimana è stata caratterizzata da molto lavoro: raccolta di alimenti per inviare nella nostra missione nel Perù, cucina, pulizia, spostare dei mobili, lavoro nel giardino... C'era molto caldo ma i sorrisi non sono mai venuti meno, basta vedere le foto di questa Route.   Una scout ci ha ricordato le parole di un grande filosofo:  “Sognai, e vidi che la vita è gioia; mi destai, e vidi che la vita è servizio. Servii, e vidi che nel servire c’è gioia”. – Rabindranath Tagore (1891 – 1941)
Così ho chiesto ad altri scout, cosa è il servizio per te?  E mi risposero:
"Servire è…
- dare senza aspettarsi nulla in cambio, ma ricevendo sempre più di quanto si è dato
-guardare le situazioni da un differente punto di vista per raggiungere maggior consapevolezza del mondo che ci circonda
- andare oltre le apparenze senza ascoltare i giudizi degli altri
- essere tutti uguali nelle proprie differenze: le differenze non devono essere delle barriere ma uno stimolo per conoscersi e conoscere nuove realtà.
- mettersi alla pari degli altri senza considerarli “inferiori”, ma semplicemente persone che stanno affrontando delle difficoltà"

Ieri mentre guardavo il film della vita di Madre Teresa sono rimasto colpito della grinta di questa grande donna e del suo servizio instancabile. Il suo amore per i più poveri dei poveri l'ha spinta a lasciare tutto e a donarsi con immensa gratuità. Ho pensato: "Che vita bella!!"  

Ma come riusciva questa suora albanese ad andare avanti? 
Lei stessa ci spiega da dove vengono le forze del suo amare costante: 
“Dove è Dio, lì vi è amore. E dove è amore, vi è sempre servizio.” 


Ho ricordato ai cari giovani del Padova 5 e del Genova 55; ho ricordato i loro sorrisi mentre aiutavano, i loro cuori pieni di amore, la loro integrazione con i rifugiati ... e ho pensato...magari qualcuno di loro neanche si rende conto ... ma nel suo servizio c'è Dio. 
Eh sì caro giovane, quel Dio che tante volte cerchi e che sembra che non possa esistere in un mondo con tanta ingiustizia e male è vivo nel più profondo del tuo cuore.  Lui vuole amare il mondo attraverso di te.. Lui ti ha creato per amore. Tu sei un dono, tu sei prezioso ai Suoi occhi.  Lui ti ha creato per amare.  Lui utilizza le tue mani come strumento di misericordia.  Il tuo sorriso è il grido di Dio che dice ad ogni persona: "TI AMO". La tua vita è un dono per metterlo al servizio degli altri. La vita è una sola, non sprecarla! 
Non avere paura di fare silenzio per trovare te stesso, per trovare Dio dentro di te.


(Madre Teresa)

Buona strada! 
Ti auguro una vita bella nel servire e nel amare!  (Guarda il video della Route!)


La alegría del servicio

Hace un mes vivimos una bella experiencia con los escuchas (scouts) de 2 ciudades (Padua y Genova). Se donaron con alegría en todo tipo de servicio.  Me trajeron tantos recuerdos de aquellos años en la 790! Cuántas actividades, cuántos campamentos.... Tantos amigos que llevo en el corazón y tantas enseñanzas para la vida...

Anoche, mientras veía la película de la vida de Madre Teresa, me quedé una vez más admirado por la energía increíble de esta mujer, por su generosidad extrema, su cercanía y ternura, y pensé: "Qué vida más hermosa".  

Y me recuerdo a mí mismo y a ti que lees este blog...la vida es un don de Dios. El te ha creado porque te ama, tu eres precioso ante Sus ojos. No tengas miedo de encontrarLo en lo profundo de tu corazón, atrévete a dejarte amar por El y así encontrarás el sentido de tu vida amando y sirviendo a los demás. 


"El fruto del silencio es la oración. 
El fruto de la oración es la fe. 
El fruto de la fe es el amor. 
El fruto del amor es el servicio. 
Y el fruto del servicio es la paz"

— Madre Teresa de Calcuta

Si todavía no estás convencido que en el servir a los demás encuentras la verdadera alegría, mira las fotos de los jóvenes escuchas y contempla sus sonrisas. ¡Mira el video!

¡Buen camino!
¡Te deseo una vida hermosa en el servicio y en el amor!   

martes, 16 de agosto de 2016

Walking for Peace





Camminando per la Pace
Un gesto semplice ma profondo che ha riacceso in me la speranza di un mondo nuovo nell'unità.  "Insieme": scout di Genova e Padova, giovani di diverse nazioni e missionari abbiamo camminato per la pace. L'obiettivo non era fare tanti chilometri, ma fare il pellegrinaggio interiore verso la pace con se stesso e l'impegno per costruire legami veri e profondi con gli altri non ostante la diversità. Anzi, è stata proprio la bellezza della diversità tra di noi (cristiani e musulmani di 9 nazione diverse) il luogo della presenza di Dio che sogna una umanità unità.  Magari nessun giornale condividerà questa iniziativa ma noi ci crediamo e continueremo a camminare per la pace e a costruire ponti di fratellanza universale.  Di fato un momento molto significativo è stato quando siamo arrivati al ponte di Boccasette, lì in un momento di preghiera ci abbiamo stretto le mani e abbiamo fatto un ponte umano con il desiderio di abbattere i muri degli pregiudizi, dell'odio, della violenza. E così presi dalle mani, stranieri e italiani, rifugiati e scout, fratelli tutti, abbiamo attraversato il ponte, abbiamo vinto l'acqua dell'indifferenza e siamo arrivati alla Chiesa di Boccasette dove abbiamo celebrato la Messa per la Pace.  Dopo la colazione siamo andati in spiaggia per celebrare la nostra amicizia e anche lì in mezzo a tantissima gente essere un segno di come l'accoglienza del diverso non è una minaccia ma una ricchezza. 





Caminando por la Paz


Un gesto simple pero profundo que ha enardecido en mi corazón la esperanza de un mundo nuevo en la unidad. "Juntos": scout de Padua, Genova, jóvenes de diferentes naciones y misioneros hemos caminado por la paz. El objetivo no era la cantidad de kilómetros sino la calidad del peregrinaje interior hacia la paz y el compromiso de construir relaciones verdaderas y profundas con los demás, non obstante la diversidad. De hecho, ha sido justo la belleza de la diversidad entre nosotros (cristianos y musulmanes de 9 naciones diferentes) el lugar de la presencia de Dios que sueña una humanidad unida.  Tal vez ningùn periódico compartirá esta iniciativa, pero nosotros seguimos creyendo y continuaremos a caminar por la paz y a construir puentes de fraternidad universal.  De hecho, un momento muy significativo ha sido cuando llegamos al puente del pueblo de Boccasette, allí en un momento de oración nos hemos tomado de la mano y hemos construido un puente humano con el deseo de derrumbar los muros del prejuicio, el odio y la violencia.  Y así, tomados de la mano: italianos y extranjeros, scouts y refugiados, hermanos todos, hemos atraversado el puente, hemos ido más allá del agua de la indiferencia y hemos llegado a la Iglesia de Boccasette donde hemos celebrado la Misa por la Paz. Después del desayuno hemos ido a la playa para celebrar nuestra amistad y allí en medio a tantas personas hemos sido un signo de como la acogida del extranjero no es un peligro si no una riqueza.


Mira todas las fotos.







jueves, 7 de julio de 2016

Ramadan


Pranzo in "famiglia"

Ieri ho vissuto un profondo incontro con i nostri fratelli musulmani che ci hanno invitato a casa loro per il pranzo di festa per la conclusione del mese di Ramadan.
Riso, "sauce" e carne di agnello...., e "aranciata" per fare festa è stato il menù.  Con bei sorrisi servono il riso per ciascuno, hanno preparato in abbondanza, dopo la salsa speciale (un po' piccante per me, ma molto buona), e finalmenete l'agnello che si vedeva preparato con attenzione.

Pochi minuti dopo si sente una voce che viene dalla porta:
"Salam Aleikum" e attorno a me sento rispondere al unisono "Aleikum Salam".  (Questo è il saluto tipico dei musulmani quando entrano in una casa: "La pace sia con te"... "con te sia la pace", è la risposta). È uno dei giovani rifugiati musulmani accolti in un altro centro che è venuto per celebrare con noi. Un giovane ivoriano che stava per iniziare a mangiare letteralmente si toglie il piatto da davanti e lo da a questo fratello nigeriano appena arrivato.

Continua il pranzo e mi commuovo ancora una volta vedendo come i rifugiati cristiani si univano alla gioia dei loro compagni musulmani.  è difficile spiegare in parole la sensazione, di vivere qualcosa di quotidiano ma cogliere che c'è dietro una profondità di senso.

Eravamo in 17, di sette nazione diverse, cristiani e  musulmani... un solo tavolo: Accoglienza, fraternità, gioia, essere famiglia insieme...  Questo pranzo non farà notizia, ma quello che abbiamo vissuto insieme è un piccolo segno di fraternità universale.

Ad ogni fratello musulmano faccio gli auguri di buona festa con il desiderio che questo mese di preghiera e digiuno per incontrarsi con il Dio Clemente e Misericordioso sia fortezza e luce per ogni giorno dell'anno.




Almuerzo en Familia

Ayer he vivido un profundo encuentro con nuestros hermanos musulmanes que nos han invitado a su casa para el almuerzo de fiesta por la conclusión del mes de Ramadan.
Arroz, salsa y carne de cordero... y refresco con sabor a china (tipo fanta) que es su favorito. Estaban muy contentos y con una sonrisa de oreja a oreja sirvieron el arroz a cada uno, luego la salsa y finalmente la carne, un plato muy abundante y generoso.
Algunos minutos después se escucha una voz que viene de la puerta: "Salam Aleikum" y de mi alrededor se escucha la respuesta al unísono: "Aleikum Salam".  (Es el saludo típico de los musulmanes cuando entran a una casa: "La paz sea contigo"... "contigo sea la paz". Era uno de los jóvenes refugiados de Nigeria que venía de otro centro de acogida para celebrar junto a nosotros. Un joven de la Costa de Marfil, literalmente se quita el bocado de la boca y le da su plato al nuevo huesped.
El almuerzo continúa y me conmuevo viendo como los refugiados cristiano se unían al gozo de sus compañeros musulmanes.  Es difícil explicar en palabras la sensación de vivir algo cotidiano pero darte cuenta al mismo tiempo que estás viviendo una cosa importante y con gran significado.

17 personas de 7 naciones diversas, cristanos y musulmanes... una sola mesa: Acogida, fraternidad, gozo, ser familia juntos... Este almuerzo no aparecerá en los periódicos, pero lo que hemos vivido es un pequeño signo de fraternidad universal.
A cada hermano musulmán les felicito, deseándoles una buena fiesta de conclusión de Ramadán. Qué este mes de oración y ayuno para encontrarse con el Dios Clemente y Misericordioso sea fortaleza y luz para cada día del año.

jueves, 26 de mayo de 2016

50. Ojos - Occhi - Eyes

“Gli occhi sono lo specchio dell'anima”


Così dice un vecchio proverbio che ci sarebbe molto utile davanti alle scelte che stiamo affrontando: aprire o chiudere le frontiere, accogliere o respingere, incontrare o marginare.  Queste scelte a livello nazionale li dobbiamo affrontare anche ciascuno di noi, ormai la presenza di stranieri non è una possibilità è una realtà ed è importante che io mi chieda con quale atteggiamento voglio vivere.  Voglio costruire “muri” che mi dividono da coloro che sono stranieri, diversi: per il colore della pelle, la religione, la nazione di origine.. ? o voglio costruire “ponti” guardando negli occhi per trovare un “anima” come la mia, con la stessa dignità.
Amnesty Poland ha fatto un piccolo “esperimento” per vedere se il vecchio proverbio è vero.  Loro hanno invitato rifugiati ed europei a sedersi gli uni davanti agli altri, guardandosi negli occhi per 4 minuti.  Questo video ci svela cosa è accaduto dopo.



Tanti vogliono dire la sua sui rifugiati, ma prima di giudicare ti invitiamo a guardare, conoscere, dialogare…
Solo quando ti siedi di fronte a una persona e la guardi negli occhi, non vedi più un rifugiato anonimo, uno dei migranti, ma vedi la persona, l'essere umano davanti a te, proprio come te - che ama, sogna, soffre...
Se anche tu vuoi #GuardareOltreiConfini contattaci.


“Los ojos son el espejo del alma” …


Así dice un viejo proverbio que si escucharamos hoy nos ayudaría mucho.  En un contexto en el cual cada vez más se quiere crear muros que dividen a aquel que es diferente de mí: por su nación, color de piel, religión… si guardamos con profundidad encontraremos un “alma” como la mía, con la misma dignidad.
Amnesty Poland ha hecho un pequeño “esperimento” para ver si el conocido proverbio es verdad. Ellos han invitado a refugiados y europeos a sentarse uno delante del otro, mirándose en los ojos durante 4 minutos. En este video comparten la profunda experiencia de encuentro.
Antes de juzgar a un desconocido, a un extranjero, a uno diferente de ti te invito a observar, conocer, dialogar… Solamente cuando te sientas delante de una persona y la miras en los ojos esta dejará de ser un número, un anónimo y comprenderás que es una persona, un ser humano como tú y yo– que ama, sueña, sufre…

#MasAlladelasFronteras


“The eyes are the mirror of the soul”…

Says an old proverb that would be very important to remember in a time when so many people are judged not “by the content of their character” but “by the color of the skin” by the religion he professes, from what makes him different or unique. If we would only look closer we would find a “soul” like mine, with the same dignity.
Amnesty Poland has made a small “experiment”, to see if the old proverb was right. They invited refugees and Europeans to sit in front of each other looking at each for four minutes.  In this video they share the profound encounters that where lived.
It’s easy to judge migrants or people that are different from us, but before judging I invite you to observe, get to know, speak to… Only when you seat in from of someone and look him in the eyes you will stop seeing a number and start seeing a person, a human being like you and me – who loves, dreams and suffers.

#LookBeyondBorders 


martes, 10 de mayo de 2016

49. Armamenti e rifugiati


Sai quante armi esporta l'Italia? Sai a chi esporta le armi?
Alcuni giorni fa è stata resa pubblica la relazione annuale con i dati.  Nel 2015 l'export di armi da guerra italiane è stato 8,2 miliardi di euro!!!
Non possiamo far finta di non sapere che le armi che inviamo ad altre nazioni vengono utilizzate per distruggere e uccidere Quanta responsabilità abbiamo noi del fatto che ci siano tante guerre nel mondo, e quindi anche tanti rifugiati? Tante lamentele per i rifugiati che arrivano in Italia, ma sull'esportazione di armamenti italiani si fa silenzio.  Le nostre azioni hanno conseguenze. Come dice questa immagine: "Se esporti armamenti dopo non lamentarti se importi rifugiati".  

Alcuni giorni fa uno dei richiedenti asilo spiegava ai giovani italiani: "Io non sono pericoloso, sono in pericolo".  
Perché sono "pericolosi" gli stranieri che arrivano qui, ma non sono "pericolose" le arme che esportiamo e uccidono tante persone?

Non rimanere indifferente, informati  e condivide questa informazione con altri!!! http://www.avvenire.it/Cronaca/Pagine/LItalia-triplica-lexport-di-armi-.aspx



Armas y Refugiados
Hace unos días se presentó el informe anual de la exportación de armas italianas.  8.2 billones de euro, triplicando el total del 2014. 
En el 2014 los Estados Unidos de América exportó un total de 36.2 billones de dólares de armas!!! 
No nos tapemos los ojos, las armas solo sirven para destruir y matar. Nuestras acciones tienen consecuencias importantes.  ¿Cuánta responsabilidad tenemos de las guerras que hay en el mundo... si continuamos a enviar armas para que se perpetúen las guerras? Y después nos lamentamos si la gente escapa de su tierra y migra. 
La imagen dice: "Si exportas armas, después no te lamentes si importas refugiados."

¡No a la producción y a la venta de armas! #‎PazyDignidadParaTodos

viernes, 5 de febrero de 2016

48. Ojos abiertos - Occhi aperti

"GRACIAS PORQUE NOS HAN ABIERTO LOS OJOS"



En los últimos 3 años ha aumentado el número de personas que llegan a Italia atraversando el Mar Mediterráneo en pequeños botes. Los medios de comunicación, lamentablemente instrumentalizan la situación y no comparten toda la información, de otra parte hay tantas personas que repiten comentarios racistas o cosas que simplemente no son verdad.




Es así que estamos visitando algunas escuelas para dar voz a los refugiados para que puedan explicar el viaje tan duro que han afrontado y para que los estudiantes puedan ver que son jóvenes normales, como ellos, con sueños y proyectos para el futuro, con el deseo de construir amistades en esta nueva tierra.  Issah, un joven del Ghana que se encuentra en Italia desde hace 7 meses,  compartió la historia de su viaje pasando el desierto del Sahara, la guerra en Libia y el Mar Mediterráneo

Al final del encuentro unas jóvenes se acercaron y dijeron: "Gracias porque nos han abierto los ojos" y con entusiasmo e interés continuaron a dialogar con Issah y con otros 4 refugiados presentes. Regresando a casa, uno de los refugiados me dijo con una gran sonrisa: "I am very happy, today we have met new friends" (Soy muy feliz, hoy he conocido nuevos amigos). Una frase sencilla, pero que viniendo de una persona que normalmente se encuentra marginada en un centro de acogida con poco contacto con  la gente del pueblo es signo de esperanza y de inclusión social. 


"GRAZIE PERCHE CI AIUTATE AD APRIRE GLI OCCHI"

La testimonianza di Issah - giovane del Ghana richiedente asilo - ha colpito gli oltre 200 studenti dell’Istituto Tecnico Industriale F. Viola di Adria, riuniti in Assemblea. Durante il racconto del duro viaggio per attraversare il deserto e il Mediterraneo, Issah ha ricevuto un ascolto profondo e silenzioso. Anche quattro giovani della Nigeria e del Gambia, accolti nel Centro di Sant’Anna di Chioggia, hanno accompagnato Issah nella scuola.
Durante la mattinata, ho condiviso i numeri reali dell’immigrazione e dei rifugiati in Italia e nel mondo, aiutando a spazzar via dalla mente di tanti quei luoghi comuni alimentati e amplificati da una falsa informazione.


Elena Favaretto, operatrice di “Intrecciati” (Progetto di Ospitalità Rifugiati della Diocesi di Chioggia), ha condiviso la propria esperienza e quella del progetto in cui è coinvolta da vari mesi.
Alla fine dell’incontro vari studenti si sono avvicinati ai relatori per far domande e approfondire l’argomento. Una giovane ha ringraziato dicendo: “Grazie perché ci aiutate ad aprire gli occhi.” Altri si sono interessati e offerti per un possibile servizio di volontariato.
L’incontro di sensibilizzazione avvenuto ad Adria è parte del lavoro che la Comunità Missionaria di Villaregia svolge nel territorio, in collaborazione con “Intrecciati”. Scopo degli incontri nelle scuole è quello di informare sulla situazione dei rifugiati, promuovere l’integrazione e l’inclusione sociale.


Per conoscere di più o per programmare un incontro presso le scuole: 
progetto.rifugiati@caritaschioggia.it 
http://www.intrecciatichioggia.blogspot.it/